Risorgimento e società nei canti popolari siciliani

Glossario online
Opera letteraria

Risorgimento e società nei canti popolari siciliani (libro di A. Uccello) [1961; con citazione dei versi: “A li dùdici jnnaru quarantottu / spincì la testa du Palermu afflittu, / misi focu a la mina e fici bottu, / cu grolia ha vinnicatu lu sò grittu: / di vecchiu ch’era, accumparìu picciottu, / spinci la manu cu lu pugnu strittu, / lenta a Burbuni un putenti cazzottu: / – Tinìti, Majstà, vi l’avia dittu! // Vi l’avia dittu cu la lingua sciota, / vi la pigghiasti pri n’a smafarata; / lu dùdici jnnaru lu dinota / ca era pronta la grannuliata... (Il dodici gennaio quarantotto / alza la testa Palermo l’afflitto / mise fuoco alla mina e fece botto / con gloria ha vendicato il suo diritto / da vecchio ch’era, giovane divenne / alza la mano con il pugno stretto / affibbia al Borbone un potente cazzotto: / Prendete, Maestà, ve l’avevo detto! / Ve l’avevo detto chiaramente / la credevate una smargiassata / il dodici gennaio ve lo dimostra / che era pronta la grandinata...)” SD 31-32] SD 32