Carcere e mafia nei canti popolari siciliani

Glossario online
Opera letteraria

Carcere e mafia nei canti popolari siciliani (di A. Uccello) [1965; con citazione dei versi: “Ch’è friddu stu dammusu, è comu un gniazzu / ca acqua spanni da tutti li mura (com’è fredda questa cella, è come un covile / che getta acqua da tutti i muri)”; “ ’nfami cu fabbricau sti riani / tutti a lu scuru come l’addannati (infame chi ha fabbricato queste fogne / tutti al buio come dannati)” e “sugnu ammoddu comu na liama (sono in acqua come la canapa)” SD 26] SD 26