mangiari

Glossario online
Anticipazioni

mangiari [mangiare] “occupato solo a vìviri, mangiari e cùrriri appresso alli fìmmini” SC 116; “E inveci al mio gatto ci la faccio mangiari” CT 24; “”Ci la fai mangiari a botte e a lignate?” CT 24; “sabatu a sira sono a mangiari con una pirsona” CT 127 “senza mangiari né vìviri” CT 230; “Che voli mangiari?” MM 210; “non trovo manco un minuto per mangiari” CTL 234; “venire a mangiari qua con noi” CTL 241; “tornò a la casa all’ora di mangiari” CTL 250; “amava mangiari e bìviri” MC 14; “càmmara di mangiari” MC 17, 49, 55, 94, 102, 217; “la robba di mangiari e di bìviri” MC 18; “Ccà si metti a mangiari?” MC 29; “Io non capiscio come fai a mangiari dopo quello che ti è capitato!” MC 70; “Voli ca scinno a pigliàricci qualichi cosa di mangiari?” (N.B.: così nell’edizione de La mossa del cavallo, Milano, Rizzoli 1999, p. 84 e in quella raccolta sotto il titolo Romanzi storici e civili, Mondadori, I Meridiani, 2004, p. 919; nell’edizione Sellerio, 2017, il verbo appare, invece, nella forma italiana: “Voli ca scinno a pigliàricci qualichi cosa di mangiare?” p. 89); “càmmara di mangiari” AM 35, 40; “Le vicinelle mi pripararo da mangiari” AM 40; “io venni qua a priparargli il mangiari” AM 74; “principiò a mangiari” AM 74; “continuò a mangiari” AM 74; “Quella era ricotta che ti si squagliava come se fosse liquita e no questa fitinzia che oggi ti fanno mangiari!” SVD Fimmini e miracoli di Mìnico Portera, “La Stampa” 17 settembre 2000; “m’invitano a mangiari” GT 80; “ci priparò di mangiari” GT 81; “Gisuè non s’arrestò di mangiari e trincari” RG 29; “Mi desi puro da mangiari mezzo capretto” RG 36; “accussì putemu finarmente mettiricci a mangiari” RG 37; “Prima che Gisuè attaccasse a mangiari una cosa che non aviva mai mangiato” RG 40; “la truppa stava finendo di mangiari pani e calatina” RG 40; “s’era apprisintato dal principe per spiargli cosa desiderava mangiari a mezzojorno” RG 46; “gli aveva dato da mangiari comu u solitu” RG 53; “S’era fatta l’ora di andari a mangiari” RG 67; “Si vede che Filònia non aveva gana di mangiari” RG 71; “Avevano appena principiato a mangiarisi le aulive” RG 103; “E ora basta, non ti dono più nenti, / hanno di che mangiari li to’ denti” RG 154; “Tutta corpa di questo mangiari” RG 160; “Ciciri e favi so’ boni a mangiari / ma ti fanno puro l’alma piritari” RG 160; “alla peggio ci serve per mangiari” RG 169; “A tavola non ebbe gana di mangiari” RG 169; “non si trovavano più cosi da mangiari” RG 171; “chi arrobba pi’ mangiari nun fa piccato” RG 173; “È da deci jorna che non tocco né mangiari né viviri!” RG 175; “Parlava di mangiarisi i libra?” RG 175; “Daticci mangiari” RG 180; “carrichi di cose da mangiari” RG 196; “il mangiari gli andò per traverso” RG 209; “mangiari il giorno appresso cìciri o fave” RG 243; “la guardia gli avrebbe lo stesso portato da mangiari quel tozzo di pane duro” RG 260; “era la guardia che non gli aveva portato il mangiari” RG 261; “davanti alla famiglia arreunita a tavola per mangiari” RG 290; “Appena finuto di mangiari” RG 290; “Comu si faciva a mangiari senza tanticchia d’oglio per la cicoria, per la lattuca, per il tinnirùmi?” RG 299; “ci desi a mangiari” RG 305; “A Ciccina ci venne subito la voglia di mangiarisinni una, e ora doviva mangiarisilla per forza” RG 305; “era andata a mangiarisi un piro” RG 308; “ti faccio assugliare e mangiari dai cani” RG 321; “ci potevano mangiari e durmiri” RG 336; “all’ora di mangiari” RG 341; “la spisa per daricci a mangiari e dormiri” RG 359; “ore nicissarie al mangiari” RG 374; “Noi possiamo distribuiri a tutti robba di mangiari” RG 418; “prima di vèniri a mangiari” PM 33; “si dovitti mangiari ’u viscottu cu l’anici” PM 152; “Pirchì non viene a mangiari a la mè casa?” GB 53; “l’orfano che cerca nella munnizza qualichi cosa da mangiari” GB 78; “càmmara di mangiari” PRM 9, 10, 68, 75, 84, 116, 167, 183, 189, 222, 223, 231, 257, 262, 264, 267; “Ma mangiarisi corpo e sangue di un omo non era cosa di cannibballo bissino?” PRM 73; “mangiarisi l’ostia” PRM 74; “invitò a mangiari”, “priparò il mangiari”, “Finito di mangiari” PRM 78; “finuto di mangiari” PRM 85; “era assittato alla tavola di mangiari” PRM 110; “Appena ’u papà arrivò per mangiari” PRM 132; “Stasira veni a mangiari qua patre Burruano” PRM 164; “s’arricampò all’ura di mangiari”, “principiarono a mangiarisi la pasta” PRM 172; “Io non vengo a mangiari qua stasira” PRM 173; “priparava in cucina il mangiari” PRM 174; “gli era passata la gana di mangiari” PRM 182; “se ne andò in cucina a priparari il mangiari”, “tò patri non veni a mangiari” PRM 183; “io gli avrei priparato il mangiari”, “convincendola a ripigliari a mangiari” PRM 184; “’u papà venne a mangiari” PRM 185; “facendo macari una firmata di un’orata per mangiari” PRM 189; “se si firmava a mangiari avrebbe perso troppo tempu”, “accussì potiva mangiari e caminari nell’istisso tempo”, “principiò a caminari e mangiari” PRM 194; “Vaju a priparari ’u mangiari” PRM 200; “’u papà aviva ordinato il mangiari al ristoranti” PRM 212; “Sorridiva, come una gatta che ha finito di mangiari” PRM 220; “verso l’ura di mangiari”, “ sutta la tavola di mangiari” PRM 225; “’u papà aviva voluto dargli lui da mangiari” PRM 249; “sulla tavola di mangiari” PRM 256; “All’ura di mangiari” PRM 260; “Finirono di mangiari in silenziu” PRM 261; “aviva ditto che non sarebbe tornato a mangiari”, “gli abbilinava jorno appresso jorno il mangiari” PRM 265; “mangiari sulamenti un panino al jorno” PRM 266; “io non vengo più a la tò casa a pripararti il mangiari” PR 99; “continuò a mangiari” PR 102; “càmmara di mangiari” PR 108, 253; “se lo portò a la sò casa per mangiari alla bona” PR 201; “Dutturi, pozzu viniri doppupranzu a puliziari la casa e a pripararici ’u mangiari?” PR 216; “accomenzò a mangiari”, “Continuò a mangiarisi la pasta”, “La billizza del mangiari pani con la giuggiulena consiste soprattutto in questo rito” PR 222; “non fu capace di mangiari nenti di nenti” PIM 76; “l’aviva visto mangiari senza gana”, “Quanno era trasuto per mangiari c’era il sole” PIM 107; “era arrivata l’ora di mangiari”, “Si può mangiari?”, “avrebbe voluto mangiarisi la lingua a muzzicuna” PIM 117; “cammara di mangiari” PIM 133, 210; “s’accattò qualichi cosa di mangiari da tenere in frigo”, “era andato a mangiari alla trattoria San Calogero” PIM 134; “Non potiva stare una jornata intera senza mangiari” PIM 165; “sulamenti mangiari e dormiri” PIM 191; “una cammara ch’era a un tempo di mangiari e di riciviri” PIM 220; “Scommettiamo che appena sgarra, Balduccio junior lo fa mangiari vivo dai pisci?” PIM 318; “Vennu a mangiari nni mia spissu” PT 137; “fari mangiari una pappetta a un picciliddro” PT 178; “càmmara di mangiari” PT 181, 244; “quanto ci voli pi mangiari?” PT 246; “non aiu chi daricci a mangiari” PT 285; “vado a mangiari in trattoria” LC 10; “si voli mangiari cu mia e mè mogliere” LC 22; “non aviva gana di mangiari nenti” LC 43; “vuoi vidiri che l’età l’avrebbe in breve tempo portato a godiri di una fìmmina contentannosi di mangiarici allo stisso tavolo, supra la stissa tovaglia?” LC 111; “càmmara di mangiari” LC 113; “una terrazza che non aviva prezzo, bona per mangiaricci la sira” VA 15; “stavano a mangiarisi le nuddicheddre di pani” VA 19; “mangiari che parivano nisciuti da una simana di digiuno” VA 46; “Finito di mangiari” VA 47; “’n celu galleggiava una luna che avrebbero potuto mangiari alla sò luci” VA 48; “càmmara di mangiari” VA 53; “fa troppo càvudo per mangiari cose càvude” VA 102; “Adelina gli aviva priparato un piatto da mangiari friddo”, “principiò a mangiari” VA 160; “dato che non vegno, ci priparo cchiù cose di mangiari” VA 222; “Ca quali mangiari!” VA 237; “In frigo ristavano ancora cose di mangiari” VA 249; “annare a mangiari” VA 265; “la parlata con Livia gli aviva catafottuto il mangiari” AS 45; “non ebbe manco gana di mangiari” AS 214; “ogni jorno gli portavo da mangiari” AS 231; “opirava, al jorno stabilito, macari supra a un tavolo da mangiari” PP 69; “si erano arrubbato il cavallo per mangiarisillo” PS 20; “Com’è, a mangiarisi, la carne di cavallo?” PS 27; “Da mangiari più che bastevole per dù pirsone” PS 41; “càmmara di mangiari” PS 50, 71; “senza mangiari né viviri” PS 67; “vanno a fari visita ai nonni coi quali restano a mangiari” PS 80; “per mangiari, doviva per forza annare da Enzo” PS 82; “Tutto quello che c’era stato da mangiari, se l’erano sbafato” PS 93; “Meglio la qualisisiasi, che mangiarisilla” PS 112; “Hai priparato il mangiari?” PS 130; “niscì novamenti supra alla verandina con le linguate, accomenzò a mangiarisille” PS 136; “E ora avrebbi dovuto mangiari qualichi cosa” PS 149; “per annare a mangiari o per vivirisi un cafè” PS 150; “era stato il nirbùso a farlo mangiari tanto” PS 160; “torno torno non c’era nenti da mangiari” PS 194; “si l’annava a mangiari assittato supra a una petra chiatta e commoda” MMU 27; “càmmara di mangiari” MMU 33, 81, 93, 116, 131, 141; “si pigliò ’na mezzorata d’arriposo per mangiarisi tanticchia di pani e tumazzo” MMU 47; “s’abbintò contro a Cicco per mangiarisillo” MMU 59; “accomenzaro a scannari e a mangiarisi ogni cosa” MMU 60; “gli venne gana di mangiarisi un cannolo” MMU 81-82; “non volli mangiari nenti” MMU 89; “Stettiro a mangiari e viviri infino alli sei” MMU 90; “china di cose da mangiari” MMU 92; “Priciso ’ntifico a ’n’abbuffata di mangiari” MMU 96; “si era fatto tempo di mangiari”, “aviva accomenzato a mangiari”, “appena finiscio di mangiari” MMU 100; “tornato per mangiari”, “ripigliò a mangiari” MMU 105; “Tra un quarto d’ura è pronto per mangiari”, “Voliti mangiari con noi?” MMU 126; “È l’ura di mangiari” MMU 127; “aviva perso tutti i denti e non potiva cchiù mangiari” MMU 130; “un magazzino all’ingrosso di cose di mangiari” MMU 137; “Ma ogni duminica con sò mogliere sinni ghiva a Ninfa a mangiari con la famiglia” MMU 138; “’na poco di cose di mangiari pigliate dalla dispenza” MMU 145; “càmmara di mangiari” CV 10, 16, 17, 192, 201, 245; “aviva macari ordinato il mangiari” CV 88; “Era l’ora di annare a mangiari” CV 101; “Abbisognava mangiari qualichi cosa” CV 102; “voliva mangiari troppo” CV 111; “denti boni per mangiari carni viva” CV 128; “La sira avanti non aviva potuto mangiari nenti”, “niscì supra il ponte a mangiarisilli” CV 204; “gli parse malo mangiarisilli” CV 228; “Che ci priparo di mangiari?” CV 251; “Il mangiari, comu la minchia, non voli pinseri” CV 256; “Accussì putivano mangiarisi macari l’ova frischi” CS 17; “attrovava tutto pronto per mangiari” CS 18; “mangiai di prescia e il mangiari m’acchiummò” CS 28; “priparari qualichi cosa di mangiari” CS 40; “si annarono a mangiari un piatto di pasta” CS 52; “càmmara di mangiari” CS 62; “m’ha ’nvitato a mangiari” CS 63; “E il suco di pummadoro faciva un feto d’àcito che assintomava a sintirlo, figurarsi a mangiarisillo” CS 76; “Era la stissa guardia che gli aviva portato il mangiari” CS 77; “supra al tavolo di mangiari” CS 85; “supra al tavolino da mangiari” CS 99; “il mangiari non era pronto” CS 101; “viniti a mangiarivi ’na cosa” CS 107; “Per farla mangiari, dovetti arrisbigliarla”, “Nino annò a mangiari di sutta” CS 109; “vinni sempri cchiù difficili persuadiri a Minica di mangiari” CS 133; “Detti da viviri e da mangiari alla crapa” CS 137; l’ura di mangiari” RIP 10; “forsi i carduna li dovrebbi accattare per mangiarisilli la sira” RIP 12; “Non ce la fece cchiù a mangiari” TGR 140; “si era fatta l’ura di mangiari” ED 23; “non aviva tanta gana di mangiari” ED 43; “era l’ura di annare a mangiari” ED 54; “Era la prima volta, da quanno ch’era a Vigàta, che stava a mangiari con un omo” ED 68; “qualichi cosa da mangiari o da viviri” ED 73; “stavo annanno a mangiari” ED 84; “aveva addeciso d’annare a mangiari” ED 112; “il mangiari gli acchianò alla gola” ED 113; “può darsi che questo sbinturato sia andato a mangiari al «Pisci d’oro»” ED 115; “Avivano di certo finuto di mangiari” ED 129; “si misi ’n machina per annare a mangiari da Enzo” ED 147; “la cammarera non gli aviva priparato il mangiari per la sira” ED 171; “Avrebbi addeciso Laura se mangiari ’n casa o nesciri” ED 190; “Avrebbi dovuto di nicissità mangiari ’n casa” ED 226; “non avrebbiro cchiù avuto mezza lira per mangiari” SON 14; “ci pensa lui a darigli da mangiari” SON 17; “si stava mittenno a tavola per mangiarisi il pisci” SON 19; “con quello che gli ha dato ogni giorno da mangiari fanno patta” SON 20; “quello era il mangiari della famiglia” SON 21; “Ogni crapa si va a circari il sò mangiari” SON 43; “Addecise di mangiarisi pani e salami e po’ pani e aulive. Si tagliò il pani, pigliò l’altra robba e annò a mangiarisilla fora” SON 54; “Sinni stavano a mangiari ’n pizzo ’n pizzo a uno sbalanco” SON 62; “le crape s’azzuffavano per mangiarisilla” SON 110; “la lassò libbira di mangiarisi tutte l’erbe che voliva” SON 111; “le libbicciate spingivano il mari a mangiarisi la pilaja” SON 116; “tutto quello che abbisognava per cociri e mangiari” SON 123; “vi dugnu le cose di mangiari” SON 136; “l’ura di mangiari” SON 139; “E per mangiari come fanno?” SON 143; “Ma non potiva mangiari ’n silenzio?” SON 157; “s’avviò verso l’orto a mangiarisi l’erbuzza frisca” SON 158; “gli faciva passari la gana di mangiari” SON 170; “’u mangiari” SON 171; “càmmara di mangiari” SON 188, 189; “Voi che ti priparo qualichi cosa di mangiari?” SON 190; “si erano arridotti a circare il loro mangiari nella munnizza citatina” DG 11; “Nisciuno dei dù aviva attrovato il tempo d’annari a mangiari” DG 50; “càmmara di mangiari” DG 90, 187, 192, 263; “Voli che ci appriparo qualichi cosa di mangiari per stasira?” DG 99; “E indove va a mangiari?” DG 125; “qialichi cosa, abbunnanti, di mangiari” DG 206; “aviva allura allura finuto di mangiari” DG 219; “continuanno a mangiarisi la minestrina” RIZ 25; “Ci voliva stomaco a mangiaricci ’nzemmula” RIZ 59; “càmmara di mangiari” RIZ 88, 115; “non aviva avuto tempo di mangiari” RIZ 150; “avrebbe accomenzato a mangiari”, “gli avrebbe pirmisso di mangiarisi macari la pasta” RIZ 164; “aviva attaccato a mangiari” RIZ 170; “prima che Cate sinni ghisse a mangiari” RIZ 186; “E io come facivo a mangiari se non era per il ragiunieri? MAK 74; “Ti vaiu a fari qualichi cosa di mangiari” NN 199; “aviva addeciso di mangiarisinni solo dù” CTE 113; “càmmara di mangiari” SA 18; “domani a siraviniti a mangiari da noi” SA 39; “accomenzamo a mangiari all’otto e mezza” SA 50; “era ’na cosa da mangiarisilla a muzzicuna come un frutto succulento” SA 81; “Annò a mangiari da Enzo” SA 116; “Adelina gli sirvì il mangiari a letto”, “Adelina sinni annò, doppo avirigli lassato il mangiari per la sira” SA 136; “Aviva appena finuto di conzari la tavola nella verandina per mangiarisi la ’nzalata di riso” SA 139; “Si fici l’ura d’annare a mangiari” SA 158; “gamberetti di primo pilo da mangiari conditi con sali, oglio e limoni”, “Conzò la tavola nella verandina e si misi a mangiari con lintizza” SA 162; “tornano per mangiari” SA 185; “Ora minni vaio a mangiari” SA 227; “tutti sinni stavano ’n casa a mangiari” GCT 13; “Il mangiari se lo pripara vossia?” GCT 19; “mangiarisi il ficato per la ’nvidia” GCT 66; “qualichi cosa di mangiari” GCT 75; “può fari piaciri mangiarisi un cannolo di tanto in tanto” GCT 92; “ci si sarebbi potuto mangiari la pasta col suco” GCT 132; “il gusto di mangiari la frutta del jardino dell’autri” GCT 207; “potiva mangiari a tinchitè”, “la robba di mangiari” GCT 217; “ora il mangiari non fagliava cchiù” GCT 218; “annavano a mangiari ’nzemmula a la Vucciria” GCT 221; “arriniscì a pirsuadirlo a mangiarisi qualichi cosa” GCT 226; “continuò a mangiarisilla” GCT 245; “Tararà annò a mangiari ’n casa di Nunzia” GCT 302; “Quando finero di mangiari” GCT 303; “vegno a mangiari ’nni tia” GCT 315; “annò a mangiari a la sò casa” GCT 322; “eru pronta a mangiarimi tuttu chiddu ca arriniscieva” TTPN 14; “Vi ’nvitau a mangiari” TTPN 99; “con un sorriso di gatta che ha appena finuto di mangiarisi ’na scatoletta prilibata e si sta liccanno i baffi con la punta della lingua” GSP 30; “giuro che ti fazzo mangiari il foglietto” GSP 35; “annammo a mangiari da mè cognata” GSP 39; “ognuno sinni stava a mangiari sopraffatto dall’estasi” GSP 52; “Ma sarebbi vinuta a mangiarisi l’arancini come aviva promisso?” GSP 77; “càmmara di mangiari” GSP 81, 102, 115, 123, 177, 191, 201, 216, 250; “Montalbano pinsava d’annarisinni a mangiari” GSP 96; “era stato tanticchia difficoltoso mangiarisi la pasta” GSP 118; “annava a mangiari” GSP 136; “Mi porto a mangiari alla commissa”, “Sinni annò a mangiari” GSP 150; “Finisti di mangiari?” GSP 158; “Non era bono il mangiari d’aieri a sira?”, “quella che vinni a mangiari l’arancini” GSP 173; “Nel mangiari si volli tiniri liggero” GSP 175; “per annare a mangiari” GSP 188; “si sarebbe assittato nella verandina per mangiari” GSP 192; “doviva mangiari di meno” GSP 193; “Po’ sinni annò a mangiari” GSP 209; “supra alla tavola di mangiari” GSP 216; “Ora minni vaio a mangiari” GSP 232; “si godì la bella sirata e il mangiari” GSP 245; “prima di ghiri a mangiari” SAN 22; “era capaci di mangiarisi da sulo a dù crapetti ’nfornati con relativo contorno di qualichi chilata di patati” SAN 25; “aviva ’na putia di cose di mangiari” SAN 51; “Vanno a mangiari ’n casa di mè cognata” SAN 107; “Jemu a mangiari” SAN 143; “sinni voliva mangiari sulo uno” SAN 155; “lassò perdiri di mangiari” SAN 165; “gli pirmittivano di mangiari” SAN 218; “non ebbi gana di mangiari” SAN 222; “lui gli dava tanticchia di dinaro per fari mangiari i picciliddri” SAN 227; “sinni stavano a mangiari e a viviri” RPO 27; “doviva abbastari come mangiari per tutta la jornata” RPO 46; “cchiù granni era il gilato e chhiù difficoltoso era a mangiarisillo” RPO 47; “Sisina gli aviva priparato il mangiari” RPO 52; “il gilato te lo potivi mangiari macari se era mezzo squagliato” RPO 56; “Don Cocò principiò a mangiarisi il gilato” RPO 57; “accussì potivano mangiari pani per ’na simanata ’ntera” RPO 81; “L’orto, ’nzemmula alle ova, era quello che dava da mangiari a tutti” RPO 82; “càmmara di mangiari” RPO 83, 126, 232, 233, 238; “aviva priparato il mangiari per tutti” RPO 90; “era ancora troppo presto per mangiari” RPO 91; “appena che finì di mangiari” RPO 102; “Non fici che mangiari, dormiri e godirisilla” RPO 107; “La robba di mangiari accomenzò a scarsiare” RPO 109; “stavano assittate davanti alla porta a munnare la virdura per mangiarisilla” RPO 111; “Gli dettiro da mangiari un sacco ’ntero di garrubbe” RPO 112; “’nvitò il marchisi a mangiari alla sò casa” RPO 130; “era ’nvitato a mangiari” RPO 168; “l’aviva ’nvitato a ristari a mangiari con loro” RPO 177; “non mi priparari nenti di mangiari” RPO 187; “Abbisogna darigli da mangiari come a un picciliddro” RPO 188; “vinni ’nvitato ’na sira a mangiari” RPO 196; “all’ura di mangiari” RPO 197, 214; “dovitti ristari a mangiari” RPO 207; “Aviva un sulo piaciri: mangiarisi alla matina un ovo sbattuto con lo zuccaro” RPO 231; “io non sugno cchiù bituato a mangiari tutta ’sta pasta” RPO 234; “Mangiari sulo fa passari ’u pititto”, “mangiari sula ’n cucina”, “veni ccà a mangiari con mia”, “com’è che non provava disgusto a vidirla mangiari in quel modo?”, “Lo vitti che a mangiari con qualichi autro ’u pititto veni?” RPO 235; “Voli qualichi cosa di particolari stasira da mangiari?”, “Non si tratta di mangiari” RPO 239; “Se la scialò a mangiarisillo” RPO 242; “’u mangiari pronto è”, “Doppo che avemo finuto di mangiari” RPO 244; “Finuto che ebbiro di mangiari” RPO 245; “accomenzò a mangiarisilla” RPO 248; “continuaro a mangiarisi la caponatina” RPO 251; “Robba di mangiari”, “Doppo che avivano finuto di mangiari” RPO 258; “Vaio a priparari ’u mangiari” RPO 259; “si livavano macari quel picca di mangiari dalla vucca”, “avrebbi avuto assicurato il mangiari d’ogni jorno” RPO 265; “per il piaciri di mangiari robba frisca” RPO 279; “non avivo nenti da mangiari” RPO 285; “Stasira viniti a mangiari ’nni mia” RPO 287; “annavano a mangiari ’nzemmula” LL 28; “Se arrivo tra un quarto d’ura mi dai ancora da mangiari?” LL 62; “Era ghiuto a mangiari tardo assà” LL 65; “non aviva nenti di mangiari” LL 73; “non gli viniva gana di mangiari” LL 75; “provò a mangiari qualichi cosa” LL 77; “’n caso che a mangiari erano ’n dù” LL 114; “si misi a mangiari” LL 118; “I viddrani ci venno macari ad arripararsi per mangiari” LL 121; “Sinni annò a mangiari da Enzo” LL 126; “Finì di mangiari” LL 159; “Si potiva mangiari fora” LL 188; “E capaci che avrebbi dovuto macari mangiari agneddro a brodo o sanguinazzo” LL 201; “quel dolci se lo doviva mangiari” VN 43; “io te lo levo dalle mano, l’appallottolo e te lo fazzo mangiari” VN 45; “Accomenzò a mangiarisillo”, “ripigliò a mangiarisillo” VN 47; “Il cellulari non era né nella càmmara di dormiri, né in quella di mangiari, né in salotto” VN 90; “Sinni annò a mangiari da Enzo” VN 178, 217 ; “sulla tavola di mangiari” VN 202; “è annato a mangiari” VN 218; “doviva annare a mangiari fora” VN 226; “nisciuna gana di mangiari” VN 264; “Allura pirchì non veni a mangiarisi l’arancini con nuautri?” CSP 27; “addecidì di mangiarisi quello che gli aviva priparato Adelina” CSP 43; “per mangiari forsi  aspittava l’arrivo dell’autri dù pirsone” CSP 51; “non avivano nenti da mangiari” RIL 47; “Donna Eleonora aviva voluto che il protonotaro e il ginirali de Timpa ristassiro a mangiari con lei” RIL 71; “addicidii di darici da mangiari” RIL 74; “Dumani manno a ’nvitari a mangiari ’nni la mè casa” RIL 124; “continuava a mangiari” RIL 130; “fu don Esteban che ’nvitò a lui. Però non a mangiari, ma a Palazzo per ’na discurruta da farisi ’mmidiata” RIL 136; “obbligata perciò a mangiari addritta” RIL 153; “stavano a mangiari sulamente loro dù” RIL 195; “all’ura di mangiari”, “se l’erano vinuto a mangiari ’n silenzio” RIL 264; “quanno vinni l’ura di mangiari”, “Si annò a corcari senza mangiari” RIL 265; “quelli che bitavano nel villino dovivano mangiari lì” COV 15; “Il sò travaglio consiste essenzialmenti nel mangiarisi i quattro cannoli che ha davanti?” COV 55; “Ancora qualichi dimanna e po’ potrà mangiarisi il cannolo che le resta” COV 58; “Livia ripigliò a mangiarisi il secunno” COV 96; “Ristassi a mangiari ’n casa” COV 227; “sinni era ghiuto a mangiari a Fiacca” NF 17; “non c’era traccia che era stato ’n compagnia a mangiari e a viviri” NF 36; “qualichi cosa di mangiari e di viviri” BS 29; “si era fermato a un abbiviratoriu per riposarisi tanticchia e mangiari” BS 79; “senza che nisciuno le dia da mangiari e da viviri” BS 114; “accatto qualichi cosa di mangiari” BS 118; “Si portaro appresso robba di mangiari” CLP 61; “tri tavolini già conzati per chi addisidirava mangiari qualichi cosa”, “Si fa macari da mangiari” PF 31; “ci duna da mangiari” PF 34; “il mangiari si quadiava al forno” PF 48, 124; “’na parti in loco per mangiari” PF 54; “non aviva avuto tempo d’annari a mangiari” PF 71; “Non aviva potuto mangiari a mezzojorno” PF 80; “mangiari controvoglia” PF 110; “pinsamo sulo a mangiari”, “mangiari a sbafo” PF 141; “tiniva a mangiari e a dormiri uìa un sò zio” PF 154; “Addecidì di starisinni a mangiari ’n cucina” PF 176; “Non avrebbi avuto il tempo di mangiari” PF 212; “càmmara di mangiari” PF 219; “Quanno niscì per annare a mangiari chioviva a leggio” PF 239; “càmmara di mangiari” MMA 21, 156, 275; “annare a mangiari”, “stava a mangiari ’na squisitezza” MMA 96; “non aviva gana di fari nenti, manco di mangiari” MMA 113; “Ci pripara puro il mangiari” MMA 134; “si priparò un panino col salami e si nni tornò nella verandina per mangiarisillo” MMA 166; “E per il mangiari?” MMA 169; “ti disturbirebbi viniri a mangiari con mia oggi all’una?” MMA 180; “La prima cosa che fici Pasquano fu quella di mangiarisi un cannolo. La secunna cosa che fici fu di mangiarisinni ’n autro” MMA 215; “Montalbano stava annano a mangiari” MMA 223; “se l’era portata appresso per mangiarisilla” MMA 246; “Non potiva firmarisi a mangiari” MMA 248; “pigliò un cannolo, accomenzò a mangiarisillo” MMA 254; “usava mangiarisi la frutta strata facenno” MMA 267; “non avivano mai avuto occasioni di mangiari ’nzemmula” MMA 269; “io mi priparo ’na cosuzza di mangiari” MMA 279; “tanto che gli abbasta per mangiari” MMA 294; “Ca ti dugnu di mangiari” QM 57; “I gumita a muzzicuna ci haviti a fari mangiari” QM 80; “havi a truvari i cosi pronti pi mangiari” QM 81; “Pi du jorna havi a stari senza viviri e mangiari” QM 91; “il mangiari, come la minchia, non voli pinseri” GSC 27; “Finuto di mangiari” GSC 38; “Càmmara di mangiari” GSC 44, 88, 186; “Mangiari pani e salami” GSC 80; “se la scialò a mangiari” GSC 114; “Ora ni nni ghiemo a mangiari” GSC 157; “affirrò un cannolo, accomenzò a mangiarisillo” GSC 167; “mangiari qualichi cosa” GSC 201; “Non era ’n condizioni di mangiari nenti” GSC 210; “non se l’era sintuta di mangiari” GSC 224; “non erano appisantiti dal troppo mangiari” VVOL 12; “càmmara di mangiari” VVOL 14, 298; “Robba di mangiari”, “cose da mangiari” VVOL 15; “mangiarisi con l’occhi” VVOL 33; “gli ordinò di mangiarisi ogni jorno ’na bistecca al sangui con supra un ovo” VVOL 67; “detti a mangiari a tutti i povireddri di Vigàta e dei dintorni” VVOL 72; “la pirsuadeva gentilmenti a mangiari” VVOL 75; “continuanno ’ndifferenti a mangiari” VVOL 78; “quanno voliva e potiva mangiari da sula” VVOL 80; “avrebbi potuto mangiarisille càvude càvude” VVOL 89; “mangiarisi ’na cosa duci”, “Accussì si guadagna ’u mangiari”, “s’assittava finalmenti macari lei per mangiari” VVOL 92; “finuto di mangiari” VVOL 98; “Non sapi mangiari da sulo” VVOL 101; “pritinniva di mittirsi a tavola e mangiari” VVOL 123; “si trattava di troppo mangiari” VVOL 123-124; “niscero per annarisi a mangiari i gelati del cafè Castiglione” VVOL 134; “devo essiri ’n casa a mangiari con mè mogliere” VVOL 142; “mangiari ’nzemmula” VVOL 144; “mangiari, ghirisinni al ginematò e po’ ripigliare la strata per Vigàta” VVOL 153; “si nni va a mangiari con le svidisi” VVOL 163; “gli aviva dato da mangiari, quella sira stissa, sarde alla beccafico”, “con le vichinghe… nella cisterna… a mezzanotti… a mangiari…” VVOL 164; “Il mangiari ce l’hai pronto ’n tavola” VVOL 172; “Mi pirmittiti di mangiari davanti alla vostra porta?” VVOL 179; “si firmaro per mangiari” VVOL 187; “prima di mangiari”, “priparari il mangiari” VVOL 242; “mangiari con troppo piaciri ” VVOL 247; “si nni acchianò a mangiari” VVOL 250; “sparagnanno sul mangiari” VVOL 259; “si dava da mangiari a gratis” VVOL 277; “cammarone di mangiari” VVOL 278; “tornava all’una per mangiari” VVOL 280; “annavano a mangiari al bocconi del poviro” VVOL 282; “Quanno annavano a mangiari” VVOL 283; “si nni annò con sò patre a mangiari” VVOL 293; “si era già fatta l’ura d’annari a mangiari” VVOL 303; “Luicino non vinni a mangiari” VVOL 304; “Quanno che finero di mangiari” VVOL 305; “càmmara di mangiari” ACF 17, 88, 114, 167; “se ne annò a mangiari” ACF 27; “per dari da mangiari a ’sti poviri disgraziati” ACF 28; “Montalbano pinsò che supra a ’st’appalto di pullman ci doviva mangiari genti assà” ACF 46; “senza mangiari, senza dormiri” ACF 74; “Io sugno cchiù che pirsuaso che Trupia sia andato a mangiari” ACF 148; “non le piaciva mangiari senza cumpagnia” ACF 154; “Il vissicassi è un mangiari che doppo i gatti sunno contentissimi” ACF 162; “Il ritmo del sò mangiari rallintò” ACF 166; “arriniscì a mangiarisinni sulo la mità” ACF 217; “non voliva mangiari” ACF 261; “gli capitò di mangiarisi un secunno che era ’na speci di muzziata” ACF 273; “Non aio gana di mangiari” CF 94; “all’ura di mangiari”, “T’aspetto per mangiari”, “si nni annò a mangiari” CF 111; “Accomenzò a mangiari picca” CF 117; “aviva ’nvitato a mangiari a tutti l’amici” CF 121; “faceva miracoli per darigli da mangiari sempri robba bona e sana” CF 127; “’n tempo per mangiari all’una e mezza” CF 129; “si nni annò a mangiari” CF 132; “Lo studenti dovrebbi viniri all’inaugurazioni e mangiari senza pigliarisi la pinnula”, “si nni veni a mangiari gratis” CF 134; “annare a mangiari a gratis” CF 137; “càmmara di mangiari” CF 139; “Ci annò a mangiari” CF 142; “tornato a la casa per mangiari” CF 168; “all’ura di mangiari”, “Le ficimo mangiari prima” CF 175; “io sugno bituato a mangiari con Concittina ed Ernestina e nisciun autro, voi dù siti prigati di mangiari per conto vostro nei vostri appartamenti”, “Il mangiari ordinato nel migliori ristoranti” CF 184; “tornato come al solito a la casa per mangiari” CF 185 “non aviva avuto la forza di mangiari per tutta la travirsata” CF 243; “quante cose di mangiari ci si potivano accattare con una lira!” CF 282; “qualichi cosa di càvudo da mangiari” NT 12; “abbastava sì per il mangiari e il vistirsi” NT 32; “dintra al mobili indove tinivano le cose di mangiari” NT 38; “pinsò che ’u purpo era fora a procurarisi il mangiari” NT 40; “voliva pripararisi meglio l’arma e il corpo prima di sintiri dintra alla vucca e nel palato quel mangiari di paradiso” CB 42; “l’ora d’annare a mangiari” RP 16; “cosuzze che si ponno mangiari sulo con le dita” RP 20; “accomenzò a mangiarisillo” RP 21; “càmmara di mangiari” RP 49, 109, 231, 233, 234, 265, 272, 273, 280; “io doviria pripararimi u mangiari”, “mi facissi l’anuri di mangiari con mia” RP 115; “Fazzo in tempo a viniri a mangiari qualichi cosa?” RP 150; “finì di mangiari” RP 175; “prima di mangiari” RP 179; “per potirisi mangiari ’n paci le trigli” RP 232; “l’unica era di mangiarisi le trigli” RP 233; “ora stai a Marinella a mangiari con mia” RP 265; “Non vi la vuliti mangiari ’na forchittata di pasta?” RP 266; “Addicidì di mangiarisille subito” RP 275; “càmmara di mangiari” MCAT 10, 11, 56, 69, 70, 107, 158, 160; “finì di mangiarisi il cannolo” MCAT 39; “dari da mangiari a tò figlio” MCAT 44; “si nni tornava ccà a mangiari” MCAT 53; “accomenzò a mangiari” MCAT 64, 160; “non avino cchiù nenti da mangiari” MCAT 146; “non ce la fazzo a mangiari con vossia” MCAT 150; “tavolo di mangiari” MCAT 158; “dovitti trattinirsi a fatica dal mangiarisillo” MCAT 160; “si misi a mangiari gli spachetti alla carrittera” MCAT 182; “l’unica era mangiarisilla ddrà” MCAT 218; “come se avissi finuto allura allura di mangiarisi a Pollicino” MCAT 229; “arrinescio a portari alla casa quel picca che mi basta per mangiari” MCAT 235; “non erano stati capaci d’organizzari un turismo che dessi da mangiari a tutti” MCAT 289; “càmmara di mangiari” VOR 12, 17; “l’ura di mangiari” VOR 35; “Potiva mangiarisi come piscato allura allura un pisci di trimila anni passati” CAL 25; “ripigliò a mangiari” CAL 26; “Di sicuro Mimì non era tornato a mangiari ’n casa” CAL 27; “indove saremmo ghiuti a mangiari” CAL 30; “non ho attrovato manco ’u tempo d’annare a mangiari” CAL 33; “càmmare per mangiari e per dormiri” CAL 37; “non avrebbi attrovato nenti da mangiari per la sira” CAL 51; “forsi il mangiari gli era acchiummato nella panza” CAL 54; “aviva finuto di mangiari” CAL 61; “Annò a mangiari da Enzo” CAL 68; “chiuttosto che mangiari un pasto priparato da iddra” CAL 78; “Si nni scinnì a mangiari nel ristoranti” CAL 88; “aviva ’ntinzioni di mangiari ’n casa” CAL 102; “era ancora troppo presto per mangiari” CAL 106; “si nni era andato a mangiari” CAL 112; “Mi nni vaio a mangiari ’n trattoria” CAL 140; “Aviva appena finuto di mangiarisi un gran piatto di spachetti” CAL 143; “Aviva allura allura finuto di mangiari” CAL 164; “Pennisi se la scialò a mangiarisi la pasta ’ncasciata” CAL 174; “piglio il sonnifero e lo metto nel mangiari” CAL 178; “Stava per nesciri per ghirisinni a mangiari da Enzo” CAL 181; “Non potti assittarsi a mangiari nella verandina” CAL 189; “càmmara di mangiari” CAL 190; “se la scialavano a mangiari granite al limoni” CAL 192; “Mentri che stavano a mangiari” CAL 197; “non lo contò tra quelli che dovivano mangiari” CAL 208; “si faciva mangiari con piaciri” CAL 209; “La meglio è accomenzare a priparare il mangiari”, “’u sonnifiro nel mangiari” CAL 225; “non arriveranno a mangiarisi il secunno” CAL 228; “a tutto pinseremo, meno che a mangiari”, “io devo mangiari!” CAL 229; “era curruto a libbirarisi del mangiari” CAL 240; “umanamenti ’mpossibili mangiarisi autro pisci” RIC 58; “aviva finuto di mangiarisi ’na cofana di pasta ’ncasciata lassatagli nel forno da Adelina” RIC 219. N.B. Mantenendo invariato il riflessivo mangiarisi, Camilleri, nella redazione del 2016, rende in italiano mangiari – sia verbo, sia sostantivo –: “Tra una cosa e l’autra, si fici l’ora di mangiari” RIC2005 44 > “Tra ’na cosa e l’autra, si fici l’ura di mangiare” RIC 56; “spiannosi però come mail il commissario trovava il tempo per andare a mangiari” RIC2005 44 > “spiannosi però come mai il commissario attrovava il tempo per annare a mangiare” RIC 56; “doppo che avivano finuto di mangiari” RIC2005 72 > “doppo che avivano finuto di mangiare” RIC 84; “Il colloquio col questore gli fece sbariare completamente la gana di mangiari” RIC2005 84 > “Il colloquio col questori gli fici sbariare completamenti la gana di mangiare” RIC 96; “il grosso del mangiari deve ancora viniri” RIC2005 86 > “il grosso del mangiare devi ancora arrivari” RIC 98; “rifiutò la proposta di firmarisi a mangiari” RIC2005 119 > “arrefutò la proposta di firmarisi a mangiare” RIC 131; “Conzò il tavolinetto della verandina e pigliò a mangiari” RIC2005 120 > “Conzò il tavolinetto della verandina e pigliò a mangiare” RIC 132. Mantiene, invece, in italiano il verbo mangiare, quando presente nella prima redazione: “L’avvocato li ha invitati a mangiare” RIC2005 57 > “L’avvocato li ha invitati a mangiare” RIC 69; “mancava squasi una mezzorata all’ora che di solito andava a mangiare da Enzo” RIC2005 112 > “mancava squasi ’na mezzorata all’ura che di solito annava a mangiare da Enzo” RIC 124; “Ma non ci va mai a mangiare quest’uomo?” RIC2005 139 > “Ma non ci va mai a mangiare ’st’omo?” RIC 151; “E io sono andato a mangiare come tutti i cristiani!” RIC2005 145 > “E io annai a mangiare come a tutti i cristiani!” RIC 157; “All’altizza del tavolo della càmmara di mangiare” RIC2005 176 > “All’altizza del tavolo della càmmara di mangiare” RIC 189; “A certe pirsone il mangiare anneglia il ciriveddro” RIC2005 201 > “A certe pirsone il mangiare anneglia il ciriveddro” RIC 213; “E poi non capita abbastanza spesso che i cacciatori non amino mangiare le loro prede?” RIC2005 206 > “E poi non capita abbastanza spesso che i cacciatori non amino mangiare le loro prede?” RIC 218; “Si vede che gli altri sorci gli davano a mangiare” RIC2005 215 > “Si vidi che l’autri surci gli davano da mangiare” RIC 228 (g.m. ottobre 2020).