vìdiri²

Glossario online

vìdiri² (vidi) (in un v. e svidi il sorcio non c’era più; piombare in un v. e svìdiri; in un v. e svìdiri) [in un attimo; “La figghia di lu Re ’ntra un vidiri e svidiri è libbira” G. Pitrè, Li Figghi di lu Re di Spagna, in Fiabe, novelle e racconti popolari siciliani, Palermo, Il Vespro, 1978, vol. I, p. 30; “ ’Ntra un vidiri e svidiri, l’anellu fu livatu” G. Pitrè, Bianca Cipudda, in Fiabe, novelle e racconti popolari siciliani, cit., vol. I, p. 219; “il guaglioncello un certo giorno si ammalò e in un vedere e svedère, dalla sera alla mattina, entrò in delirio” S. D’Arrigo, Horcynus Orca, Milano, Mondadori, 1975, p. 248; “Le femminote erano tali, che se anche scapolavano all’inferno, in un vedere e svedère, ricomparivano con qualche bracia di fuoco” ivi, p. 312; “ritrovandosi in un vedere e svedère in un mare d’altura” ivi, p. 1124] FF 60; SD 16; SC 31; BP 14; BFC 11, 57.

Correlati: svìdiri.